I motivi per cui si perdono i capelli nel periodo primavera-estate | HairClub di Filippo Battistelli

hair-club-di-filippo-battistelli

  • Lunedi

    Chiuso

  • Martedi

    08:30 - 19:00

  • Mercoledi

    08:30 - 19:00

  • Giovedi

    08:30 - 19:00

  • Venerdi

    08:30 - 19:00

  • Sabato

    08:30 - 19:00

  • Domenica

    Chiuso

Seguici su

HairClub di Filippo Battistelli

I motivi per cui si perdono i capelli nel periodo primavera-estate

Primavera ed estate sono le stagioni in cui i capelli iniziano ad essere più esposti e lucenti, ma anche quelle in cui la nostra chioma subisce i maggiori sconvolgimenti. A tutti sarà capitato di notare, in questo particolare periodo dell’anno, un intensificarsi del fenomeno della caduta dei capelli. Nella maggior parte dei casi non c’è nulla di cui preoccuparsi e in questo articolo andiamo a scoprire i motivi per i quali con l’arrivo della stagione calda la nostra chioma tende a subire certi effetti e quali accorgimenti adottare per preservare la salute della chioma.

I fattori che condizionano la caduta dei capelli sono tanti, l’importante è saperli riconoscere e andare ad agire per invertire il trend ed evitare di danneggiarli ulteriormente. Prendiamo innanzitutto in considerazione i fattori climatici e ormonali. Il passaggio dall’inverno alla primavera e di conseguenza da una stagione prevalentemente fredda e piovosa a una caratterizzata da temperature miti e maggiore esposizione solare, per molte persone rappresenta un momento di particolare debolezza della chioma.
Inoltre, ci sono una serie di comportamenti che vanno corretti per preservare o restituire salute e brillantezza alle nostre capigliature.

Tra i principali motivi che causano una maggior caduta di capelli in questo periodo, vi sono sicuramente quello ormonale e fisiologico, per cui il passaggio dal periodo freddo a quello prima mite e poi caldo, vede il naturale intensificarsi del ricambio dei capelli. Un fenomeno molto comune e assolutamente normale che tende ad esaurirsi e scemare naturalmente.

Oltre a quello fisiologico però, ci sono altri fattori che possono favorire la caduta o causare il danneggiamento dei capelli e, in questo caso, riguardano invece comportamenti che molte persone adottano inconsapevolmente.

Uno di questi è sottoporsi a lunghe sessioni di esposizione al sole, specialmente in estate. I raggi UV oltre a rappresentare un danno per la pelle, non sono il migliore alleato delle nostre chiome. I raggi solari infatti tendono a far asciugare la naturale umidità presente all’interno e alla base dei capelli.
Altri fattori che minano la salute dei capelli possono essere la salsedine, l’acqua e l’aria marina e magari gli sbalzi di temperatura legati all’aria condizionata. Tutti questi elementi rischiano di inaridire i capelli, seccarli e di conseguenza renderli più propensi a rotture e cadute.
Da non sottovalutare anche gli effetti sul colore: sole, acqua, aria possono far perdere ai capelli il loro colore, talvolta provocando riflessi e sfumature indesiderate, specialmente nel caso delle colorazioni artificiali.
Come possiamo evitare che tutto questo accada senza rinunciare alle vacanze al mare? Si può ricorrere ad esempio a prodotti idratanti come maschere per capelli, balsami e shampoo meno aggressivi, ma soprattutto e termoprotettori, che proteggano chioma e cute dall’esposizione solare.
Attenzione anche alla fase di asciugatura: meglio tamponare i capelli bagnati con un asciugamano e districarli con le mani invece di utilizzare spazzole, pettini o altri strumenti.

Anche se per molti è un vero e proprio alleato irrinunciabile per combattere le elevate temperature dei mesi estivi, in realtà l’aria condizionata rappresenta un nemico silenzioso e che troppo spesso viene sottovalutato. L’aria condizionata infatti non solo indebolisce i capelli sottoponendoli in maniera brusca e repentina a sbalzi di temperatura, ma rischia di abbassare anche le difese immunitarie rendendoci più propensi a “malanni” che possono anche andare ad incidere sulla salute dei capelli. Infine l’aria condizionata tende a ridurre l’umidità naturale dei capelli e può favorire l’insorgenza di fenomeni opacizzanti, oltre a poter causare aridità e debolezza.

Se invece del mare preferite frequentare le piscine, sappiate che il cloro è un altro componente che tende a mettere a repentaglio la vostra capigliatura. Pur essendo un formidabile disinfettante, fondamentale nell’evitare che germi e batteri si propaghino nell’acqua delle piscine, il cloro ha tra i suoi effetti collaterali quello di seccare la base dei capelli e renderli più inclini a spezzarsi. Anche in questo caso il consiglio che ci sentiamo di darvi è di ricorrere a prodotti idratanti oltre a creme e spume per restituire volume e brillantezza.