hair-club-di-filippo-battistelli

  • Lunedì

    Chiuso

  • Martedì

    08:30 - 19:00

  • Mercoledì

    08:30 - 19:00

  • Giovedì

    08:30 - 19:00

  • Venerdì

    08:30 - 19:00

  • Sabato

    08:30 - 19:00

  • Domenica

    Chiuso

Seguici su

HairClub di Filippo Battistelli

Bronde: una tonalità chiara e calda tra le tendenze 2023

Dall’unione di biondo, castano chiaro e ramato nasce una delle tendenze più interessanti tra tutte quelle che promettono di rendere vivace e coinvolgente lo scenario per i migliori hair stylist nel 2023. Stiamo parlando del Ginger Bronde, una tonalità che nasce proprio dalla fusione di diverse sfumature cromatiche ed è pensata per aumentare la versatilità della tinta stessa. Il punto di forza di questo particolare tono, infatti, è la sua non uniformità che rende i diversi riflessi cangianti adatti a far risaltare le caratteristiche migliori degli incarnati scuri, così come di quelli chiari. A differenza del rosso mogano, consigliato a quanti sfoggiano colori di pelle e capelli più intensi, oppure del rosso aranciato con richiami ramati per gli incarnati diafani, questa nuova creazione rappresenta una sintesi perfetta di diverse peculiarità. Nei paragrafi seguenti potrai scoprire alcuni aspetti che rendono questo trend così interessante e facile da declinare, a prescindere dal fototipo o dal colore degli occhi.

Una tonalità adatta a tutti i tipi di pelle e alle lunghezze più svariate

Dal punto di vista cromatico il ginger bronde rappresenta una versione meno decisa e intensa del classico capello ramato. Più chiaro di un tipico castano, esso racchiude all’interno del proprio nome uno dei segreti del successo che l’hanno portato a far breccia nel cuore di celebrities e influencer per la stagione invernale. Si tratta della sfumatura che richiama le spezie calde, ovvero quelle che tipicamente impreziosiscono piatti e bevande dell’inverno, rendendo molto più magica l’atmosfera. Con questa tonalità molte persone famose hanno scelto di avere di puntare su un look dai toni caldi, assecondando un desiderio comune in questo periodo dell’anno. Il ginger bronde si è imposto gradualmente anche tra i saloni dei parrucchieri dove e ben presto diventata una tra le colorazioni più richieste. Il motivo, già anticipato nell’introduzione, riguarda la sua versatilità: questa tonalità sta infatti molto bene a ogni donna a prescindere dall’intensità della carnagione. La stessa flessibilità si ritrova anche per quanto concerne la capacità di dare il meglio con i tagli più svariati. Sia i capelli medi sia le lunghezze più importanti possono trarre vantaggio dall’intensità e dalla profondità dei diversi riflessi, che emerge comunque anche sui tagli corti e sbarazzini. In questo secondo caso viene aggiunto un dinamismo ulteriore, che rende la scelta di styling ancor più interessante.

Una sfumatura che unisce il meglio di rosso, biondo e castano

Grazie alle tante sfumature meno decise e uniformi rispetto ad altre colorazioni, il ginger bronde si rivela l’alternativa perfetta per tutte le persone che vogliono illuminare il volto anche nelle grigie giornate invernali senza osare in maniera eccessiva. Tale aspetto lo accomuna alla colorazione dalla quale tra origine, ovvero il bronde, un mix interessante tra biondo e castano che ha permesso di modernizzare i classici colpi di luce. Per venire incontro ai mesi più freddi, il bronde si è sposato con il ginger inteso come rosso per dare vita a un tono caldo e intenso il cui vantaggio è quello di risultare sempre molto naturale. Con una base di marron glacé, un’aggiunta di biondo e un po’ di rosso viene creato questo mix unico, capace di trarre il meglio da tutte e tre le tonalità al fine di arrivare a un risultato tra i più adattabili che hanno varcato le porte dei saloni di parrucchieri negli ultimi anni. Sembrano ormai un ricordo i tempi in cui prevalevano le tonalità fredde, come dimostra il successo di questa nuova tinta speziata, che potrebbe resistere ai rigori invernali e ripresentarsi il prossimo autunno con altrettanto vigore.